Le nostre sedi e i punti di aiuto sono dislocati in diversi luoghi della città di Castelfranco  come riportato sulla cartina topografica: Il Centro di Ascolto presso la Chiesa della Pieve (A); il Centro di Distribuzione presso il Cavalcavia per Padova (B);la mensa e la doccia presso il palazzetto dello sport in Via Vittorio Veneto (C). Gli orari sono diversificati per tipo di servizio.

Il CENTRO DI ASCOLTO

Sede: Borgo Pieve 99 B – 31033 Castelfranco Veneto
Tel e fax 0423 723702
e-mail: cdascolto.castelfranco@gmail.com
Orari:     – lunedì e giovedì dalle 10.00 alle 12.00 mercoledì dalle 17.00 alle 19.00


è il luogo di riferimento iniziale, passaggio preferenziale delle persone in difficoltà che vi arrivano di propria iniziativa, mandati dai sacerdoti, da fedeli, da cittadini e dagli stessi operatori dei vari servizi Caritas.
Si cerca in uno o più incontri di conoscere la situazione della persona e della famiglia e di individuare tra le varie emergenze e difficoltà quelle più gravi e risolvibili con i mezzi e i rapporti che la Caritas intrattiene.

I nostri aiuti:

Disponibilità all’ascolto e alla valutazione delle difficoltà , dei diritti,  con consigli a chi rivolgersi o messa in contatto: Uffici pubblici, servizi sociali, ULS. patronati, medici, consulenti, avvocati, caritas dei territori (per i residenti fuori Castelfranco) con i quali la caritas ha rapporti .

Erogazione di piccoli aiuti economici  e prestiti per necessità urgenti: ticket per visite, viaggi, tasse scolastiche …  : mai la prima volta dell’incontro. Fornitura di medicine di terza fascia.

Presa in carico, con adozione  per le situazioni di gravi difficoltà :
economica , psicologica , familiare con una “adozione”  che prevede un  progetto di avvio a soluzione nel tempo di almeno parte dei problemi e una spinta   a diventare autonomo: Il Centro di ascolto, quasi sempre in questi casi si mette in contatto con i servizi sociali comunali, consulta esperti,  approfondisce  la legislazione nel merito e poi decide, anche di intervenire con aiuti economici per un certo periodo. Segue un monitoraggio e una analisi dei risultati.

Erogazione di aiuti economici  con controllo e educazione alla spesa. Ad esempio aiuti per pagare affitti arretrati vengono erogati se c’è una prospettiva successiva di autonomia . , analogamente dicasi per arretrati di utenze. Rientrano negli aiuti anche pagamento di biglietti per rimpatrio.

Concessione di un microcredito
 Un tipo  particolare di aiuto consiste nel  concessione  di un microcredito fino a € 3.000  a basso tasso di interesse, nei casi in cui uno possa dimostrare di potere onorare il debito restituendo  a rate fino a 36.  Sono direttamente alcune banche convenzionate con la Caritas tarvisina che fanno l’istruttoria e erogano  il prestito.

Sostegno psicologico  Le situazioni di disagio per problemi familiari,di salute, di dipendenza,detenzione e giustizia, handicap/disabilità, problemi legati all’immigrazione, si stanno moltiplicando  accompagnati quasi sempre da problemi economici. Caritas si sta facendo carico di alcuni di questi casi  affiancando alla persona un operatore, più spesso mettiamo in allerta tutti i servizi esterni statali di assistenza, a volte affidiamo la persona ad associazioni  a gruppi ecclesiali.

Progetto salute
Caritas cittadina con convenzioni  con professionisti e artigiani è impegnata anche in un progetto salute riguardante la vista  e la buona masticazione concorrendo al pagamento di visite, occhiali, dentiere mobili, prestazioni non coperte dal servizio sanitario nazionale . I finanziamenti derivano da aggregazioni e  associazione laiche  che sono state sollecitate  a intervenire.
In convenzione con il banco farmaceutico raccogliamo farmaci di fascia C , un medico presente al CdA decide la consegna. Abbiamo una convenzione con la farmacia Monti all’Aquila Reale e con Milanottica per uno sconto, visite e materiale oculistico da loro fornito ai nostri poveri.

Progetto: istituto affidamento in prova
Dopo aver stipulato un’apposita convenzione  con il ministero di Grazia e Giustizia, siamo ora in grado di accogliere all’interno delle nostre attività, particolarmente nel Centro di Distribuzione, persone condannate  per periodi brevi, attraverso l’istituto dell’affidamento in prova. Abbiamo accolto alla primavera 2017 ben 5 persone: per alcune ore settimanali mettono ordine al centro di Distribuzione, vanno a prendere prodotti alimentari presso aziende, associazioni, ditte, e molto impegnativo mobilio dismesso.
Una seconda  convenzione  prevede di ospitare persone per  lo svolgimento presso il nostro Centro di Distribuzione di lavori di pubblica attività, con sospensione del procedimento penale.
Caritas tarvisina fa ben altro con un particolare progetto per ex carcerati.

Progetto casa e progetto lavoro
La maggior parte delle persone  che vengono al Centro di Ascolto sono senza lavoro e spesso in precarie situazioni abitative.
Attingendo a risparmi degli anni passati abbiamo stipulato due accordi, firmatario per noi  la Caritas Tarvisiana, con il Comune di Castelfranco relativi alla manutenzione straordinaria di alcuni appartamenti di proprietà della locale AEEP, per poi collocarvi famiglie e persone in povertà assoluta a canone  ribassato e fuori graduatoria. Nel 2017 abbiamo così dato casa a 6 famigllie. Con il progetto lavoro, partner in questo caso anche “Il Consorzio in Concerto” caritas cittadina finanzia parte dei costi di alcuni contratti di apprendistato puntando all’assunzione degli interessati. Abbiamo aderito anche a una proposta di caritas tarvisina, finanziata da Chiesa Italiana con 8 per mille  di sperimentare  percorsi di adozione di persone e famiglie  di cui l’inserimento lavorativo deve costituire l’obbiettivo principale, in partenariato con le Acli.

Rilascio di un ticket per ricevere presso il centro di distribuzione in via Salvo D’Acqiusto  una borsa di viveri. Il ticket è assegnato in base alla situazione personale e/o familiare, può  prevedere l’accesso una volta la settimana, oppure ogni due settimane, in relazione alla gravità della situazione, riscontrata dagli operatori volontari del Centro di Ascolto.  Viene rilasciato a molti, rappresenta un certo sollievo  per il bilancio familiare …

Rilascio di un ticket per usufruire di un pasto caldo a mezzogiorno con possibilità di fare anche la doccia: mensa e doccia presso il palazzetto dello sport

Rilascio di un ticket per bisogni relativi al vestiario e o mobilio, presso il centro di distribuzione in via salvo D’Acquisto solo per situazioni dei povertà estrema.

Molte sono le persone che vengono al centro di Ascolto di Castelfranco anche se hanno la residenza (o l’ultima residenza) o il domicilio in altri comuni. Se possiamo aiutiamo tutti e non mandiamo via nessuno, ma cerchiamo di indirizzare queste persone alle altre caritas, ai servizi sociali  del territorio, comunque verifichiamo con messaggi incrociati che non ci siano duplicazioni di intervento.